• Facebook Social Icon

© 2023 by Going Places. Proudly created with Wix.com

1/3

 

La pianura di Grosseto era, circa 3000 anni fa, occupata da una vasta insenatura del Mar Tirreno le cui acque poco profonde davano luogo a una linea di costa fatta di piccole insenature secondarie alterante a promontori collinari. Su questi rilievi, affacciati sul mare, sorsero numerosi insediamenti umani, alcuni con la consistenza di vere e proprie citta: Vetluna (Vetulonia) e Roselle. In particolare sulla costa NW sorse la prima Vetulonia etrusca che in breve divenne, siamo già nel VII sec. a.C. , una città importante con un’economia in gran parte basata sul commercio marittimo. Gli scambi avvenivano su gran parte del Tirreno, dalla Sardegna alle coste della Grecia. A rendere grande la città furono le risorse minerali cavate nelle vicine Colline Metallifere. Con Vetulonia nacque un territorio ben strutturato fatto di strade, porti, città fortificata e aree cimiteriali imponenti. Di questo assetto resta oggi la necropoli, scoperta nel 1882 da Isidoro Falchi.

Per ripercorrere questa affascianante storia del territorio di Vetulonia andremo a compiere un itinerario nei luoghi principali. In particolare incontreremo le testimonianze della linea di costa sulla quale sorse il porto e l’area collinare affacciata sul mare dove vi erano le due principali strade che conducevano alla città fortificata (la Sagrona e la Via dei Sepolcri). Nel nostro itinerario ci soffermeremo a visitare i resti dei monumenti funerari più importanti della necropoli che si ritiene siano appartenuti alle famiglie maggiormente influenti (tumuli della Pietrera e del Diavolino). La visita alla necropoli si chiuderà con il tumulo di Poggio Pepe posto sulla strada diretta verso l’antica costa.

I luoghi del nostro itinerario saranno raggiunti mediante un percorso a piedi di circa 10 km posto in gran parte sulla collina di Vetulonia. Nello specifico cammineremo su: sentieri della rete regionale (n. 204), strade bianche, strade asfaltate, antiche strade etrusche.

 

Quando:

giovedì 25 aprile 2019
 

Ritrovo:

ore 7:30 ingresso mercato Ortofrutticolo, Mercafir, parcheggio lato viale Guidoni, Firenze. Chi avesse necessità particolari relative al luogo d’incontro deve prendere contatto direttamente con la guida.
 

Lunghezza, durata & difficoltà:

10 km circa, 240 m

6 ore incluso pausa pranzo e visite ai siti archeologici.

E (Escursionistico). Necessario un modesto allenamento, nessuna difficoltà tecnica lungo il percorso. Per maggiori informazioni sui livelli di difficoltà escursionistica si veda sezione dedicata cliccando qui.

 

Cosa portare

Obbligatorio: Scarpe da trekking, no scarpe da ginnastica. Chi sarà sprovvisto di calzature idonee non sarà ammesso all'escursione. acqua (almeno 1,5 litri)

Consigliato: abbigliamento consono alla stagione, bastoncini telescopici da trekking, cappello parasole, abbigliamento a strati, giacca anti-pioggia (ombrello), macchina fotografica, pranzo al sacco e acqua.

 

Quota

15,00 € adulti, bambini sotto 12 anni gratis. La quota comprende organizzazione, assistenza e coordinamento delle guide ambientali abilitate (L.R. 86/2016 e s.m.i.).

 

Termine ultimo per l’iscrizione

L’iscrizione deve essere effettuata entro martedì 23 aprile ore 20:00.

 

Guida

Marco Di Luca: 3382802939

 

Altre info 

I cani sono ben accetti, ma, nel rispetto della legge e degli altri partecipanti, vanno tenuti al guinzaglio per tutta la durata dell'escursione. 

Per prenotare l'escursione mandare una mail a trekkeggiare@gmail.com oppure contattare direttamente la guida

 

ATTENZIONE: La guida si riserva sin d’ora la facoltà di modificare l’itinerario in funzione delle condizioni meteo o se la sicurezza del gruppo lo rendesse necessario.

​